articolo tratto dal sito “Tio.ch” del 14 ottobre 2014
Leggi l’articolo originale

Una struttura per le donne che vogliono partorire “in modo naturale”: tre levatrici apriranno la prima “casa delle nascite” del Ticino.

LUGANO – Un appartamento come tanti, in apparenza: cucina, bagno, camere da letto; solo i tappeti stile tatami in soggiorno e la vasca per il parto in acqua, in un angolo, danno un tono da studio medico: ma non è neanche questo. Quella aperta in via Canevascini 4 a Lugano – allestimento e formalità sono in corso – è una “casa delle nascite” in piena regola, la prima in Ticino. “Volevamo offrire alle donne un’alternativa all’ospedale, qualcosa che le mettesse più a loro agio” spiega la levatrice Nina Ferrera, che assieme alle colleghe Anna Fossati e Giovanna Quadri ha ideato il progetto.

“Finora abbiamo lavorato soprattutto a domicilio, come tutte le levatrici indipendenti: spesso però il parto in casa è un disturbo per la partoriente, o per i vicini; altre volte non è possibile perché non c’è un ospedale nelle vicinanze per eventuali complicazioni” continua Ferrera. “Oltre Gottardo le case delle nascite sono una realtà, ci siamo dette: perché non aprirne una anche in Ticino?”. Voilà. La struttura si chiama Casa Maternità e Nascita “Lediecilune” ed è dotata di una stanza per i controlli in gravidanza, una per il parto “arredata a immagine di una normalissima camera da letto”, e una per il post-parto “dove la coppia e il neonato hanno il tempo e l’intimità per conoscersi e iniziare l’allattamento nelle 24 ore successive” spiega Anna Fossati.

C’è anche un sito, www.lediecilune.ch, e qualcuno si è già prenotato. Prerequisiti: la gravidanza deve essere fisiologica, senza complicazioni, e il parto non deve presentare rischi, spiegano le levatrici: “Collaboriamo con ginecologi e pediatri e le nostre prestazioni sono riconosciute dalle casse malati come per il parto in ospedale”.