Il 6 maggio è nata la nostra Nila.
Siamo così felici di averla avuta nell’intimità della nostra casa, con la nostra levatrice di fiducia. Ci siamo resi conto dell’importanza dei primi momenti, dei primi giorni insieme, in tre. E cogliamo già i frutti della nostra  – a dire dei molti –  “coraggiosa scelta”: una bimba serena, una mamma tranquilla perché ha avuto tutto il tempo di conoscere la sua creatura con la fiducia che la Natura sa quel che fa.
Il papà ha da subito un ruolo fondamentale, e non avendo “scampo” (come lo avrebbe in ospedale) vive anche lui il parto come un “lavoro” da portare a termine per forza! Godendo di conseguenza, anche lui, tutta la soddisfazione e l’appagamento che ne consegue. Nei giorni seguenti il ruolo fondamentale di cuoco, assistente all’allattamento, lavandaio, uomo delle pulizie, addetto alla spesa e ai rifiuti, lo ha reso partecipe e, appunto, gli a permesso di vivere la paternità appieno, a 365 gradi.
Quindi, un grazie gigante a voi, che con la passione per il vostro lavoro promuovete la salute con la esse maiuscola, da prima ancora di venire al mondo.

 

Elena